Home News Blog HP Multi Jet Fusion

HP Multi Jet Fusion

di redazione

Nel 2012, Prensilia – spin off della Scuola Sant’Anna di Pisa fondata nel 2009, che produce e commercializza mani artificiali – si è posta l’obiettivo di sviluppare una mano robotica che fosse leggera, altamente funzionale, esteticamente gradevole e strutturalmente solida per proteggere i componenti meccanici ed elettronici interni del dispositivo. Una soluzione che, con costi minimi, consentisse la produzione in piccole serie.  

Per questo progetto Prensilia si è avvalsa della collaborazione di Elastico Disegno – società di consulenza per il design e l’innovazione fondata a Torino nel 1998 – che, per rispondere a questa sfida, ha superato i limiti posti dai metodi di produzione tradizionali e da altre tecnologie di stampa 3D filament-based. La creazione della forma della mano e il design capace di adattarsi ai componenti interni prevedevano l’utilizzo di un software CAD 3D molto sofisticato, come PTC Creo.

Il risultato di questo innovativo progetto Made in Italy è Mia, la mano robotica dotata di sensori e connessa ad un impianto in titanio transradiale.

A causa della complessità della maggior parte dei componenti di Mia, Prensilia ed Elastico Disegno hanno visto l’additive manufacturing come l’unica tecnologia valida per questo progetto. 

I rivestimenti esterni della mano e delle dita sono stati realizzati grazie alla tecnologia HP Multi Jet Fusion con l’utilizzo del materiale HP 3D HR PA 12, che combina resistenza e supporto strutturale, nonché una finitura delle superfici in grado di garantire l’estetica desiderata da Prensilia. 

Le parti morbide dei polpastrelli di Mia sono realizzate con stampi in silicone, anch’essi prodotti da HP Multi Jet Fusion e HP 3D HR PA 12. 

hp.com

Potrebbero interessarti

Questo sito usa i cookies per migliorare la tua esperienza sul sito. Ma puoi disattivarli se vuoi Accetta Maggiori Info