Style-Different.com

FAQ
Le domande più frequenti poste da chi vuole esporre ad Allestire Decor Lab.

Nel corso di questi ultimi mesi di intenso lavoro per promuovere il progetto Allestire Decor Lab abbiamo avuto occasione di confrontarci con molte aziende, molti imprenditori, operatori del settore e utenti a cui si rivolge. È emerso un aspetto importante, che riteniamo debba essere meglio chiarito: Non sempre, con le nostre comunicazioni scritte, siamo riusciti a trasmettere l'obiettivo e il senso del progetto, e questo ha prodotto in alcuni dei dubbi che solo con un dialogo diretto siamo riusciti a chiarire e, nella maggior parte dei casi, trasformare i dubbi in certezze. Per questo abbiamo pensato di chiarire meglio alcuni punti, fermo restando che solo un dialogo diretto possa garantire il massimo della chiarezza. Quindi non abbiate timore, contattate il nostro staff e prendetevi mezzora di tempo per chiarire ogni dubbio e confrontarvi con noi. Non ve ne pentirete!

  • Dov’è?

    A Milano in Zona Tortona. Abbiamo scelto questa zona essendo la più attiva con eventi Fuori Salone oltre ad avere con i vecchi stabilimenti artigianali delle location molto interessanti.

  • Cos’è Allestire Decor Lab?

    Lo abbiamo sottolineato molte volte, ma repetita juvant. ADL non è un'installazione temporanea, non è una mostra, non è un evento. È uno showroom permanente, un laboratorio di idee che vuole dimostrare a progettisti e architetti, ma anche operatori della comunicazione e imprese produttrici, le potenzialità offerte dalle tecnologie oggi a disposizione per la personalizzazione degli ambienti. Questo significa che non vogliamo fare un “mercatino” di oggetti personalizzati, ma offrire una visione di alcune tipologie di ambienti per dimostrare che il digitale e la personalizzazione sono un plus, e il modo migliore è farlo attraverso ambienti belli, coordinati, che possano trasmettere un'emozione.

  • Cosa posso esporre?

    Puoi esporre un qualsiasi oggetto, mobile, complemento d’arredo, decorazione murale o pavimentale che sia personalizzato e/o personalizzabile a partire dalla copia singola in stampa digitale, serigrafica, tampografica, fresato, termoformato, inciso ... . Il comune denominatore rimane la personalizzazione.

  • Perché dovrei esporre?

    Hai un prodotto adatto per decorare e abbellire ambienti e che potresti fare conoscere a un target più ampio? Ora hai la possibilità di contaminare moltiplicatori come architetti, progettisti, aziende industriali, negozianti, catene di franchising e altre migliaia di persone interessate al design.

  • Espongono anche miei concorrenti?

    Sarà nostra cura evitare la presenza di prodotti simili. Un esempio: se esponiamo dei pouf di seduta personalizzati, probabilmente, li limiteremo a un unica presenza. Se parliamo di carte parati stampate o applicazioni di pellicole adesive forse saranno due. Quindi, la presenza di ‘veri’ concorrenti sarà molto limitata.

  • Chi è il target a cui si rivolge?

    Architetti, progettisti designer; ma anche artigiani, aziende produttrici, operatori della comunicazione e responsabili di negozi, strutture di distribuzione e del contract. Uno degli aspetti che emerge chiaramente dalla nostra esperienza nel mondo della comunicazione e delle tecnologie di personalizzazione, è che manca un rapporto diretto tra i player attivi in questo mondo e l'utente finale/influenzatore di tendenze. Facciamo un esempio. Io produttore di tecnologia oggi propongo una gamma di macchine in grado di stampare/tagliare/lavorare qualsiasi materiale e superficie. Il mio cliente, chiamiamolo service, stampatore o converter, viene costantemente informato sulle potenzialità che queste tecnologie offrono, e spesso nel mondo della comunicazione le utilizza per differenziasi dai concorrenti. Più difficoltoso è rapportarsi con il mondo della decorazione di interni, un po' perchè mancano le conoscenze, un po' perchè approcciare un nuovo mercato richiede tempo e risorse, a volte anche solo per pigrizia... Avere una struttura come ADL permette questo tipo di contatto, in modo semplice, senza disperdere energie e risorse. Lo stesso vale per Aziende, artigiani, grandi centri di distribuzione. Altro esempio. Con la mia nuovissima macchina posso stampare su tutti i materiali, e mi interessa entrare nel mercato del mobile per offrire un servizio di personalizzazione. Posso farlo da solo, rivolgendomi a un target di utenti pressochè infinito, oppure trovare una partnership con qualche produttore distributore di mobili. La signora Maria può quindi ordinare la sua cucina, il suo armadio o la sua zona living come ha sempre fatto, rivolgendosi al suo mobiliere di fiducia, ma se ho una partnership con lui, potrà avere una scelta di decori e finiture molto più ampia, più personale quindi sarà un acquisto più soddisfacente.

  • Perchè devo pagare per essere in ADL?

    Domanda apparentemente fuori luogo, ma che può avere un senso se rapportata ai dubbi riguardo le due domande precedenti. ADL non è una mostra temporanea, organizzata da un architetto, un consorzio o una manifestazione per offrire al proprio pubblico un aspetto culturale o valorizzante. È uno spazio espositivo che lavora 365 giorni l'anno, facendo inviti mirati, organizzando seminari e workshop, creando eventi e soprattutto sensibilizzando anche i media di settore, normalmente poco esperti di tecnologie di stampa, ma sicuramente interessati ad avere un partner (in questo caso noi e voi assieme) in grado di fargli conoscere questo mondo e quindi poter presentare anche una diversa formula di decorazione e di pensare un ambiente. Se queste operazioni le faceste voi in prima persona credo che gli investimenti sarebbero decisamente importanti. Quindi si, esporre i propri prodotti, idee, soluzioni in ADL costa: poco o tanto forse è soggettivo, ma se diamo un valore a tutto il lavoro organizzativo, promozionale, di marketing che c'è dietro, forse i 2000/3000 Euro/anno non sono poi molti.

  • Quanto costa esporre?

    Dipende dalle dimensioni dell’oggetto che vuoi esporre. I costi non sono molto alti e partono da un costo mensile di circa 150 Euro. Vai sul CALCOLATORE WEB per farti un idea.

  • Mi sembra caro...

    Come detto prima, tutto è relativo. Fossi un imprenditore, magari spendere circa 7000 Euro/anno per avere 18 metri di parete decorata (nel caso di carte da parati digitali ad esempio) potrebbero sembrare troppi. O forse, dovendo ancora approcciare questo nuovo settore, non è una cifra folle. Potrebbe anche essere che il budget a mia disposizione non mi consenta un investimento di tale importanza, perchè devo comunque mantenere la mia visibilità nei settori che mi danno da mangiare tutti i giorni. Comprensibile, giustificabile. Ma nessuno mi obbliga a fare 18 metri, posso farne la metà, un terzo, o anche solo un sesto. E la spesa naturalmente diminuisce in proporzione. Certo la visibilità dei miei prodotti sarà inferiore, ma non certo il nostro impegno a promuoverli e la visibilità che possiamo offrire in tutte le nostre attività di marketing e promozionali. Dobbiamo solo trovare il giusto compromesso e la soluzione più adatta alle diverse esigenze. Dicevamo prima: parliamone!

  • Come arriva un cliente a me?

    Il tuo prodotto verrà contrassegnato con il tuo nominativo. Il visitatore viene informato dal nostro team che si potrà rivolgere a te. Saranno inoltre esposti pieghevoli con specifiche di tiratura minima e massima, tipo di materiale, ecc…. Se hai una brochure o un catalogo verrà consegnato a visitatori con serio interesse per il tuo prodotto. TU rimarrai il protagonista!

  • Quanti metri espositivi posso prendere?

    Il nostro intento è ricreare ambienti di utilizzo quotidiano come il Bistro, Living, Shop, Office ecc… arredati ed allestiti con prodotti personalizzati formando un ambiente omogeneo. Immaginati i diversi soggiorni completamente arredati che vedi all’Ikea che trasmettono l’idea di ciò che puoi fare.

  • Scelgo io il design?

    No! Un nostro designer in collaborazione con un architetto metterà a punto il design per ogni ambiente. In accordo con te sarà preparata una grafica che si combina con il design dell’ambiente creando e garantendo infine un locale omogeneo anche se composto da arredi e oggetti provenienti da 5, 6 o 7 aziende diverse.

  • Espongo ... e poi?

    Il servizio dello Showroom non consiste solamente nello spazio espositivo! Puoi utilizzare la location per tuoi incontri con clienti o organizzare tuoi eventi aziendali. Il nostro team organizza workshop. I redattori scrivono articoli per riviste e siti web di architettura e design. Siamo sempre presenti negli orari di ufficio per accogliere visitatori e spiegare le particolarità tecniche oltre a informarli su chi è in grado di offrire questi servizi di individualizzazione. Tutto per contaminare un target più ampio possibile, al fine di creare conoscenza e nuova domanda.

  • A me interessa esserci per il Salone del mobile, vorrei fare solo quello....

    NO. Proprio perchè non stiamo organizzando un evento per il Fuorisalone, stiamo gettando le basi per uno spazio di confronto e di aggiornamento/informazione che deve lavorare tutto l'anno. La richiesta che facciamo di una copertura di 12 mesi serve non solo a garantire continuità e dunque partecipazione a tutti gli eventi, ma consente anche di mantenere i costi di partecipazione bassi e dunque affrontabili. Potremmo creare un ADL come evento speciale, ma come i costi di affitto delle location decuplicano nel mese di aprile, lo stesso dovremmo fare con i costi di presenza. Meglio spendere 5000 Euro per essere presente una settimana, o la stessa cifra per esserci un anno? A voi la risposta.
    Solo un'ultima considerazione. Nelle location che abbiamo scelto per il nostro ADL, in occasione dell'ultimo Fuorisalone abbiamo avuto un passaggio di circa 160.000 persone. Numeri impressionanti, che da soli giustificherebbero anche un investimento importante. Ma chi erano? Sono tutti potenziali clienti? Mi hanno visto/notato all'interno dell'installazione? I media avranno parlato di me o solo dell'evento in generale?
    Purtroppo tutte queste risposte non sono positive. Se di quei 160.000 ne salviamo un 10% possiamo essere soddisfatti, o forse ottimisti... Erano comunque mischiati ad altre 150.000 persone, che facendo un banale conto della serva, equivalgono a più di 20.000 al giorno. Impossibile dunque seguirli tutti individualmente, e anche a trovare il target interessante in mezzo a questa folla. Rimane però un evento di grande importanza, che offre certamente una forte eco e una possibilità elevata di essere poi contattati per info e chiarimenti. Se dopo l'evento finisce tutto, difficile anche invitarli per tornare ad approfondire i temi che li interessano. Esserci ancora significa invogliare un ritorno per una visita con calma, per capire e probabilmente voler approfondire possibilità e partnership. Il nostro lavoro sarà soprattutto questo. Non solo. Anche verso i media non si tratterà di un passaggio sul numero speciale, dove sarà il progettista il protagonista e non le aziende, ma avremo la possibilità di collaborare con loro per scoprire le diverse tematiche, i diversi materiali, le tecnologie e quindi anche le professionalità.

  • Stampo, come tanti altri! Ha senso per me esporre?

    Non proporti come stampatore! Proponiti come specialista per un prodotto specifico. Potrebbe essere la pellicole adesiva stampata e applicata per rinnovare un mobile vecchio o per un cambio colore con pellicola colorata, goffrata o antibatterica. Potrebbero essere quadri su un materiale come metallo, legno o vetro. Ma anche una decorazione pavimentale o una divisoria tessile. Il visitatore non chiederà, dove posso andare per stampare?! Chiederà: “Che bello questo oggetto decorato. A chi mi posso rivolgere per farmi fare una decorazione simile?“ Ed eccoti che sei in gioco!

  • Avrei un prodotto, ma è adatto?

    Inviaci una foto per capire di cosa si tratta. Sentiamoci poi telefonicamente per capire i tuoi punti di forza o i punti deboli. Potresti avere bisogno di poco per rendere il tuo prodotto commercializzabile.

  • Sconti?

    Una domanda alla quale siamo allergici! La domanda più corretta sarebbe: “Ma quanto mi porta?“ E su questo possiamo confrontarci per capire come mettere in mostra il tuo prodotto nel migliore dei modi al fine di ottimizzare il ROI.

  • Quanto dura?

    Lo Showroom sarà permanente. Quindi inizia nel 2017 e finirà ... speriamo mai!

  • Si vende direttamente nello Showroom?

    Si! Se il prodotto viene spiegato bene al nostro team siamo in grado di darti supporto per la vendita. Interessante è il periodo del Fuori Salone durante il quale abbiamo un affluenza di migliaia di persone. Per quest’occasione l’area Shop sarà attrezzata in modo adeguato per effettuare ordini con relative personalizzazioni.

  • È prevista anche la vendita online?

    Si! E non solo perché è prevista anche una App per proporci su smartphone e tablet. L’intenzione è di contaminare fin dall’inizio il mercato italiano, quello tedesco, svizzero e austriaco. In un secondo momento penseremo ad ampliare ulteriormente il raggio d’azione.

  • Posso presenziare personalmente?

    Se desideri potrai presenziare personalmente durante i periodi di grande affluenza. Avrai inoltre la possibilità di partecipare ai workshop – se l’argomento è compatibile con il tuo prodotto - con uno speech.

  • Quando inizia?

    Iniziamo in gennaio 2017 o in maggio 2017. Perché questa scelta? Il progetto é molto innovativo e non vorremmo brucarci il primo Salone del Mobile per qualche errore strategico banale. Iniziando in Maggio 2017 possiamo prepararci in modo adeguato al Salone 2018.

  • Posso decidere di partecipare anche più tardi?

    Si! Ma solo se il tuo prodotto o simile non è già presente nello Showroom. Se fosse così, devi attendere finché il tuo competitor non esporrà più e potrai subentrare al posto suo.

  • Chi decide se un’azienda può esporre?

    La decisione se accettare un espositore viene fatta dai nostri esperti. Dobbiamo mantenere uno standard qualitativo alto per riuscire a penetrare il mercato. Se un prodotto non raggiunge i criteri qualitativi o se un’azienda espositrice ha troppi problemi nella fornitura, non verrà prolungato il periodo espositivo.

  • Posso esporre anche per un mese solo?

    I prezzi sono stati calcolati per la permanenza di un anno. Pensa, che il solo mese del Salone de Mobile costa 60.000 Euro di affitto. Quindi la tua presenza la dovresti programmare per 12 mesi.

  • Chi visita lo Showroom?

    Il nostro primo obiettivo saranno gruppi di utenza che possono essere moltiplicatori come architetti, progettisti, designer. Un mercato inizia a crescere dal basso e quindi anche il consumatore finale verrà contaminato con varie attività ed eventi al fine di creare conoscenza sulle possibilità delle soluzioni per soddisfare il trend dell’Essere Unici.

  • Avete già eventi previsti?

    Si! La cooperazione con EcoArea di Rimini ci permette di prevedere workshop con architetti per approfondire la decorazione di pareti e la decorazione pavimentale. L’associazione di settore tedesca f:mp organizzerà gruppi di lavoro con print buyer dei più diversi settori. Un produttore di strumenti musicali ci mette a disposizione strumenti musicali prima dell’assemblaggio finale per decorarli e testarne infine il risultato del suono. Sono previste serate musicali con il tema ‘Gessato Jazz’ dove i musicisti e i loro strumenti musicali saranno decorati con una trama ‘gessata’. Spero che ci sia anche tu! La nostra redazione è in contatto con colleghi di riviste di architettura e design e organizzerà alcune conferenze stampa al fine di contaminare un mercato più ampio. Aziende diverse hanno espresso interesse per svolgere i loro eventi aziendali.

  • Quanti visitatori ci saranno?

    Ogni settimana verrà organizzato un evento o un workshop con un argomento mirato. Ogni workshop avrà tra i 30 e 50 partecipanti. La location è aperta anche ad eventi di aziende ospitando fino a 100 persone. I periodi di grande affluenza saranno in Aprile con la Tortona Design Week durante la quale l’affluenza sará di parecchie migliaia di persone. Il Multicanale completo tra le nostre riviste, lo Showroom e le altre attività potrà contaminare ben oltre 100.000 persone l’anno.